JeruZalem (2015)


Due ragazze americane in vacanza seguono un misterioso ed affascinante studente di antropologia in un viaggio a Gerusalemme. La loro avventura viene interrotta quando il trio si ritrova nel bel mezzo di una apocalisse biblica. Intrappolato tra le antiche mura della città santa, i tre viaggiatori dovranno sopravvivere abbastanza a lungo per trovare una via d’uscita prima che sia troppo tardi.

JeruZalem è un horror del 2015 girato dai fratelli Yoav e Doron Paz , ripreso con la tecnica ormai arcinota del Found Footage ,ma con una insolita variazione sul tema , le scene infatti mostreranno esattamente quello che la protagonista vede tramite i suoi occhiali, una versione fittizia dei Google Glass , i quali oltre a mostrarci le scene ci forniranno in alcuni momenti anche informazioni extra sui personaggi tramite l’apertura di immagini di profili Facebook,oppure supporti video aperti da chat,link a siti in stile Wikipedia o chiamate tramite skype,dando un pizzico di freschezza ad un genere che ha invaso i cataloghi cinematografici negli ultimi anni , ma forse aumentando ulteriormente l’effetto nausea a coloro che non amano questo tipo di inquadrature,sensazione che risulta accentuata quando le scene si fanno più frenetiche.

Momento che avverrà forse con un pochino troppo di ritardo,nonostante lo spettatore conosca parzialmente fin dai primi istanti il “nemico” e la sua origine ( il film si apre con un altro Footage ambientato precedentemente e che verrà ripreso più avanti nella sceneggiatura) esso farà la sua apparizione molto tardivamente,relegando l’inizio del film ad una simpatica gita in terra santa,le creature demoniache sono relativamente ben fatte,partendo dal presupposto che JeruZalem sia un low budget .

La sceneggiatura è lineare e abbastanza solida, pochi accenni al background mitologico e alla religiosità della città, usati come espediente per proseguire con la storia , cosi come buona è la motivazione che forzerà sarah a riprendere continuamente con gli occhiali speciali anziché usarne di normali,in alcuni passaggi la pellicola deve molto delle sue ambientazioni e situazioni a REC,cercando di sfruttare le ambientazioni chiuse ed i vicoli stretti e bui per dare un taglio più claustrofobico alle scene .

Il trio di protagonisti è formato da Rachel ovvero Yael Grobglas (Jane the Virgin) , Yon Tumarkin (Rock the Casbah) e la cameragirl Sarah Danielle Jadelyn , il cast soffre di un piccolo problema geografico avendo un gruppo di attori israeliani alle prese con un fintissimo accento USA,ma col passare dei minuti ci si abitua e non risulta poi cosi sgradevole.

Uno dei rari momenti in cui vedremo la protagonista

Sicuramente non un film imperdibile,ancora peggio se non amate la visuale POV,altrimenti JeruZalem rappresenta un discreto filmetto da vedere in mancanza di meglio in una serata Horror .

Stay Tuned

1 risposta a “JeruZalem (2015)”

  1. I want to to thank you for this great read!! I certainly enjoyed every bit
    of it. I have you saved as a favorite to check out new
    things you post…

    Also visit my site: Toe and Metatarsal Fractures (Broken toes)

I commenti sono chiusi.