Magic Card (2015)

C’era un cinese in coma , cosi nel 2000 Carlo Verdone intitolava uno dei suoi film , in questo caso adattabile con c’era un cinese a Pavia per essere più specifici era ( ora non più ) il presidente del Pavia Calcio  Xiaodong Zhu, che in una notte buia e tempestosa decise di lanciare la città nel mondo dandogli amplio spazio in un film made in china ed ottenendo ai tempi l’attenzione dei miei concittadini e un discreto giramento di parti basse per via del centro bloccato durante le riprese.

Dal giorno dopo le riprese ho smesso di sentir parlare di questo titolo , Magic Card ,  IMDB sembra non riportare informazioni su di esso , nemmeno sui profili degli attori coinvolti e chi frequenta spesso la bibbia giallognola del cinema sa che l’assenza di qualcosa su essa vuol dire una cosa sola…il film potrebbe non esistere, ormai ne ero convinto pure  io ma come un apparizione il passato si ripresenta sotto forma di tasto play.

avrei dovuto scappare anche io da questo film
avrei dovuto scappare anche io da questo film

Diretto da Kwok-Man Keung ( See piu fung wan) Magic Card è un action commedy incentrato su un caso internazionale di frodi su carte di credito che ha per centro l’italico paese e che si intreccia con le vicissitudini di un ricco e stupido riccone asiatico che per esaudire un desiderio del padre vuole acquistare la via principale del mio paese ( strada nuova ) .

sobria passeggiata per strada nuova
sobria passeggiata per strada nuova

La storyline del ricco cinese che vuole comprare la città sarà quella principale ,una trama sconclusionata che vede in gioco anche un altro imprenditore cinese a Pavia e con la rappresentante dei negozianti della via, vecchia amica dell’imprenditore nr2 e che svolgerà il ruolo di mediatrice fra italiani e cinesi anche grazie all’aiuto di fei fei ,una traduttrice ed ad un giovane nerd cinese che si trova qui per far lasciare il ricco cinese con una sua amica d’infanzia.

Hiro ... salva il Pavia calcio salva il mondo
Hiro … salva il Pavia calcio salva il mondo , notare lo sguardo della Cucinotta

Il tutto è abbastanza nonsense,con CGI delle esplosioni pessima ed un effetto “HDR” per tutte le riprese con tanto di luce post prodotta aggiunta in maniera a parere mio casuale che rovina colori e scene, trama allungata con scene abbastanza evitabili del tipo …se compri una squadra di calcio i pavesi ti ameranno lasciandoti fare ogni cosa( ci hai sperato veramente è Zhu ?? ) e combattimenti coreografati in maniera facepalm dove è probabile lo zampino di Ming Jian Huang, la testa dietro i movimenti di Shaolin Soccer, lo stile grafico evidentemente non è nemmeno in linea con i gusti dei cinesi visto che in patria non ha riscosso il successo preventivato.

action time
action time

Nel cast figurano le modelle Dada Chan (Z Storm ) e Zhang Xinyu , il cantante Qiao Renliang ,l’ex calciatore Zhu Guanghu e  il più noto attore Simon Yam ( 215 parti fra cui una in IP Man ), ma i veri big name sono italiani ovvero  Adriano Giannini ( travolti dal destino ) e la Bond Girl Maria Grazia Cucinotta , inizialmente era prevista la misteriosa presenza di Arnold Schwarzenegger , dio solo sa in che ruolo , ma il buon swarzy ha smentito tutto ed è sparito in una nuvola di che cosa volete da me .

adriano giannini che chiede a Dio perchè ha accettato il ruolo
adriano giannini che chiede a Dio perchè ha accettato il ruolo

PS il film è poliglotta e mischia  con poca logica cinese , inglese ed italiano , sicuramente una scelta simpatica, ma poco efficace se poi lasci che il film giri solo nel tuo mercato sotto casa e non nel mondo.

l'attrice dada chan
l’attrice Dada Chan

Magic Card , quello che secondo il produttore doveva essere un biglietto da visita di “una nuova Italia da presentare ai cinesi”  non vede la sufficienza , si può guardare come commedia senza senso o come diamine c’è la mia città in tv, altrimenti siamo nel territorio dei film sconsigliati

Stay Tuned,