Autobahn – Fuori controllo ( 2016 )

Germania, autostrade , inseguimenti ed è subito Cobra 11, più o meno questo dev’essere il trigger che è scattato nella mia testa guardando la locandina di Autobahn – Fuori controllo nome simpatico attaccato dai solito ignoti titolisti italiani al film chiamato in patria Collide, ma si sa se getti nel titolo un riferimento alla nota autostrada senza limiti ( che compare si e no in mezza scena ) qualche spettatore extra lo porti a casa.
Eran Creevy ( Shifty ) è il nome alla regia di questo film molto anni 90 dove lui ex- criminale molla la brutta gente per la donna della sua vita e mette la testa a posto, ma torna al vecchio lavoro per un ultima volta per aiutare lei a sconfiggere una malattia ( 1 like = 1 preghiera per lei ) e le cose ovviamente non vanno  per il verso giusto.

_

Autobahn – Fuori controllo è un frenetico insieme di buche narrative su cui vengono fatte sfrecciare ad alta velocità auto sempre diverse che il protagonista ruba qua e la nel suo viaggio, quasi come le modelle che nei varietà cambiavano vestito ogni 10 min sul palco; con un finale buono dove i 2 giovani innamorati combattono soli contro il mondo diciamo che graficamente è tutto molto carino però la trama è trita e ritrita  .

Sarò onesto, i trigger di quella locandina sono stati 2, il primo è quello che ho già citato inizialmente mentre il secondo era il cast, un filmetto che esce abbastanza di soppiatto nei nostri cinema che vanta come protagonisti Nicholas Hoult ( Mad Max fury road ), Felicity Jones ( Rogue One ), ma soprattutto Ben Kingsley ( Ghandi ) e Anthony Hopkins ( Il silenzio degli innocenti ) tutti alle prese con personaggi tagliati molto grossolanamente con l’accetta, ovviamente Ben e Anthony spiccano come sempre nonostante siano usati con il contagocce e probabilmente pagati al minuto .

Autobahn – Fuori controllo è un film che galleggia attorno alla sufficienza, non mi ha convinto molto però è un buon film per una serata tranquilla sul divano con birra e popcorn in attesa di una maratona di cobra 11.

Stay Tuned.