Cinema

Max Steel ( 2016 )

0

Max Steel è un film che prende spunto da un brand di giocattoli per bambini sviluppato dalla Mattel, un pupazzone snodato da mettere in riga insieme ai vari Big Jim e Action Man e che proprio come quest’ultimo ( in realtà non sono sicuro sul vecchio Jim ) e poi divenuto protagonista di una serie a cartoni animati e quindi qualcuno dei geni della Mattel avrà pensato:  perchè non provare la via del franchise cinematografico ?? la proposta è stata ben accolta dai piani alti e il primo film realizzato.

Grillo parlante 2.0

Questo action sci-fi per ragazzi è scritto da Christopher Yost ( Thor: The Dark World ) e diretto da Stewart Hendler  ( Patto di Sangue )  con il risultato di finire dritto dritto in un bivio atroce : Max Steel è un film per ragazzi che non incide sugli adulti oppure e solo un film brutto ?? dopo ore di calcoli e diagrammi a torta le percentuali del sottoscritto propendono per la seconda opzione.

Orfano di padre, il giovane Max McGrath torna insieme alla madre nella città natale,mentre cerca di abituarsi a questa nuova situazione, Max scopre di possedere capacità non proprio umane ed entra in contatto con un’entità aliena di nome Steel. Insieme i due dovranno sconfiggere una minaccia extraterrestre che potrebbe anche essere legata alla morte del padre di Max.

Ok, una volta letta la trama sarà chiaro a tutti che siamo davanti al classico film sulle origini di un super eroe e quindi controlliamo la checklist dei punti base del genere e sorprendentemente ( ironia ) ci sono tutti a partire dall’eroe sfigato al bacio finale con la fidanzatina e tutti  forzati all’interno di una sola trama lacunosa che in alcuni punti, specialmente nel combattimento finale, sembra quasi parodiare i film supereroistici anzichè cercare di appartenere al genere, per quanto riguarda il settore grafico, la CGI risulta convincente solo a tratti alterni.

Ha chiamato la sony..rivuole indietro la sua intro del film X-men

Protagonista del film è il giovane Ben Winchell (  Finding Carter ) accompagnato da Ana Villafañe ,Maria Bello ( A History of Violence ) ,Mike Doyle ( The Invitation ) e Andy Garcia ( 1 sec in Passengers ), sicuramente nessuno di loro alle prese con la prestazione della carriera.

Se le intenzioni di casa Mattel erano quelle di lanciare un franchise in stile Hasbro ( Transformers,G.I Joe , Ouija ) non sono partiti con il piede giusto per me, siamo più vicini al 4 che al 6, spero almeno piaccia ai bambini.

Stay Tuned.

 

 

 

 

 

Marcello Portolan
Globetrotter del mondo Nerd. Cresciuto tra videogame, fumetti e cinema, crescendo ha deciso di affrontare il mondo impervio della scrittura per dare sfogo alle voci nella sua testa, nate durante la visione di film demenziali da ogni parte del mondo. Fondatore de Il Babbano Critico e redattore presso ProjectNerd.it

Charlie’s Farm ( 2014 )

Previous article

XX ( 2017)

Next article

You may also like

Comments

Comments are closed.

More in Cinema