The Neon Demon ( 2016)

Nicolas Winding Refn ,  il regista danese di Drive e Valhalla Rising, per il sottoscritto ormai leggere questo nome alla voce regia equivale ad una facile etichetta : Devo vedere quel film ,qui troviamo Il regista alle prese con il mondo della moda, fatto di persone strane e spietate come quelle che abitano i peggiori horror .

Selezioni per la prossima Final Girl ?

The Neon Demon è la storia di Jesse , una giovane appena approdata a L.A  e nel mondo della moda , la quale ha una bellezza naturale e semplice in grado di calamitare a se ogni attenzione e sguardo, cosa che ovviamente ha risvolti negativi ,Jesse infatti finirà per attirare la gelosia di altre modelle e non solo .

Avete presente le opere di Lars Von Trier o del vecchio David Lynch ? beh qui Refn prende spunto da loro e ci regala un opera autoriale e del tutto sua, caratterizzata da una trama anoressica e con pochi dialoghi, ma con un impatto visivo forte come un pugno di Tyson in pieno viso condensata in una ricerca della bellezza spasmodica e con il piglio di un perfezionista egocentrico, un viaggio in un mondo cromatismi strepitosi accompagnato egregiamente dalla soundtrack elettronica di Cliff Martinez, che ha l’obbiettivo di mostrarci in maniera sottile la morte dell’innocente bellezza e la nascita di una top model divorata dal silenzioso verme del Neon Demon.

Perfetta incarnazione di un demone

Il cast è stato scelto con dovizia , prima su tutti la protagonista ovvero Elle Fanning ( Maleficent ) dotata della bellezza innocente perfetta per il ruolo ricoperto ; con un altra attrice al suo posto forse il punteggio sarebbe inferiore , con lei troviamo Jena Malone ( Sucker Punch ) Bella Heathcote (Dark Shadows ) ,Abbey Lee (God of Egypt ) e Keanu Reeves ( Matrix) un ottimo gruppo .

La trama minimale ( che molto deve a Suspiria )  è esaltata dalla ricchezza delle scene, questo rendo sicuramente The Neon Demon un film Must See per coloro che amano la componente scenografica di un film oltre la trama stessa , un tripudio estetico che divide il pubblico fra esaltati ed riluttanti,con il sottoscritto ovviamente fra i primi ,ma ammetto che alcune scene (assistiamo pure ad un atto di necrofilia lesbica a sfondo autoerotico), possono essere non adatte a tutti oppure annoiare ,dal mio punto di vista consigliatissimo .

Stay Tuned.