Tomorrowland (2015)

Esistono titoli che ispirano al 100% fin dal primo frame del trailer, che vuoi vedere ad ogni costo altri che invece ottengono l’effetto opposto,magari pure immotivatamente( ma lo scoprirai solo dopo anni) e poi ci sono titoli che finiscono in una sorta di limbo,solleticano una parte della tua attenzione,ma il tuo senso di ragno continua a dirti non lo fare…fino a che non lo cogli di sorpresa e premi play, uno di questi titoli per me è stato Tomorrowland , il risultato della visione ?? partiamo dalla trama .

Un bambino che ha inventato una macchina per volare e un’adolescente animata da grandissima curiosità per il mondo della scienza , condividono il loro destino in modo inconsapevole , un futuro legato a Tomorrowland, fantastico luogo nascosto tra le pieghe dello spazio e del tempo.

Un accompagnamento ideale per il mondo futuro:

Alla regia troviamo Brad Bird ( Ratatouille ) alle prese con un film sci-fi che molto deve alle atmosfere anni 80 che tanto piacevano a Spielberg ed all’idea di una futuristica città perfetta per sognatori e scienziati che piaceva  invece a Walt Disney ed anche ai creatori di Bioshock ( no ..non hanno ambientato un film per bambini a Rapture , un vero peccato ) .

Avrei pagato biglietto doppio per questo
Avrei pagato biglietto doppio per questo

I mondi distopici a misura di teen sono tanto glamour di recente  vi pare che la casa di Topolino si perda questa ghiotta occasione per fare un Blockbuster? ve lo dico io …no , quindi eccoci alle prese con Tomorrowland ( niente a che vedere nemmeno con il giga – rave ),una larga parte del budget messo a disposizione dagli amici del rattone più famoso al mondo è evidentemente finita per il comparto grafico ed i risultati si vedono,l’impatto visivo della pellicola è ben riuscito ,colpisce l’occhio e riempie lo schermo con edifici futuristici e strutture steampunk ,la partenza di un razzo dalla torre Eifel è una chicca , però tutto questo non basta a rendere un film bello.

La trama soffre della “sindrome di Lindelof” una malattia abbastanza diffusa che vede un improvvisa eruzione di spiegoni sulle pagine della sceneggiatura, in maniera incontrastabile, Tomorrowland ne soffre e vede il suo ritmo non martellante rallentare ulteriormente fino al punto in cui la narrazione sembra ferma, in questa maniera appesantita arriva fino al finale, dove sale in cattedra Capitan Planet   Al Gore il cattivo del film , il quale tiene una lezioncina sull’ecologia del pianeta ( con annesso una spiegazione omaggio ) lancia l’angosciante tema dell’apocalisse e poi avvia il tutto verso un finale frettoloso ma tanto tanto buono come piace al mondo Disney.

Fare uno sci-fi di questo tipo ed immergerlo nei valori buonisti tipici dei classici di questa casa di produzione è una mossa che mi induce a spaccarmi il naso a colpi di Facepalm,belle le sparatorie fatte con laseroni in stile Buzz Lightear, ovviamente se vengono colpiti sono Robot quindi 0 sangue, il Villans della storia ovvero il governatore di domanilandia è il personaggio peggio usato della storia, peccato perchè la chimica fra i personaggi e le tematiche ambientali\apocalittiche davano spazio a ben altro genere di risultato se fossero finite in altre mani .

Se molta parte del budget è finita in palazzoni visti poco ed atti a lanciare il nuovo parco a tema , l’altra parte e nelle tasche del protagonista , chi può mai essere ?? George ” Who else ” Clooney (  Ave Cesare! ) insieme a lui uno sprecatissimo Hugh Laurie ( Stuart Little ) che visto il minutaggio a schermo poteva essere sostituito dal suo imitatore italiano di Mai Dire Gol , poi Britt Robertson ( Under the dome ) e l’androide Super Viky  Raffey Cassidy.

Sedatelaaaa
Sedatelaaaa

Tomorrowland non è brutto, per me raggiunge la sufficienza senza superarla , il mio senso di ragno alla fine ha avuto ancora  e la scimmia ora giace in un angolino riguardando per la 1000000000000 volta Fantasia e bestemmiando contro il finale di Lost ( si …  era l’unico c…o di momento in cui dovevi perdere 5 min per spiegare Lindelof , non ti perdoneremo mai) .

Stay Tuned