Victor Frankenstein (2015)

La storia del mostro formato da pezzi di cadaveri creato dal dottor Victor Frankenstein certamente non ha bisogno di molte spiegazioni,dall’opera letteraria resa celebre da Mary Shelley sono nate versioni di ogni tipo, quindi un gruppo di sceneggiatori ha deciso di revisionare il tutto dandogli un punto di vista leggermente diverso , quello dell’assistente Igor Strausman, personaggio che nel’opera originale era assente ma che il buon Victor e Dracula si sono spalleggiati più volte nei tempi successivi .

Paul McGuigan (Slevin – Patto criminale) è il regista di questa nuova versione della storia, che tanto ricorda i recenti film di Sherlock Holmes di Guy Ritchie con Robert Downey JR e Jude Law , la trama si orienta verso atmosfere Sci-Fi steampunk , mettendo le carte in tavola, a livello teorico il progetto presenta molti ,moltissimi appigli dove aggrapparsi e giocare con le sfumature morali di un personaggio complesso come Frankestein , similarmente a quanto sta facendo la serie tv Penny Dreadfull .

Il risultato però non è stato all’altezza delle mie aspettative,avrei voluto un mondo più oscuro e spietato per i protagonisti,immagini meno “pulite” stanno giocando con dei cadaveri  umani ed animali quindi mostrateli veramente in tutta la loro crudezza invece escluse qualche scena limitata niente di tutto questo avverrà ,un ulteriore punto negativo per il sottoscritto è stato assegnato per la presenza di un “villan” rappresentato dal poliziotto ultra-religioso Roderick Turpin che darà la caccia al dinamico duo togliendo minutaggio all’equilibrio morale che la figura stessa di Victor ed il suo rapporto con Igor dovevano rappresentare.

Ovviamente la produzione ha puntato tutto sui nomi  dei protagonisti ovvero Daniel ” Potty ” Radcliffe nei panni di un Igor “civilizzato”diverso da quello gobbo e brutto visto in altre opere,parte dal circo ed arriva nei salotti del lusso, praticamente uno scalatore sociale, oltre a lui l’altro pezzo da novante è il Dottor Victor Frankenstein interpretato da James McAvoy (Xavier giovane dei nuovi X-men) in pratica un Tony Stark vittoriano ; la loro prestazione è oltremodo buona,ma non abbastanza per far guadagnare un discreto punteggio alla pellicola intera , oltre a loro troviamo anche Jessica Brown Findlay (Downton Abbey) e Andrew Scott (007:Spectre) .

A questo Victor Frankenstein secondo me manca l’anima,la luce oscura dentro gli occhi, una caratteristica che ne avrebbe potuto cambiare radicalmente il giudizio,ora appena appena sufficiente,un peccato visto che le idee e gli spunti erano interessanti .

Stay Tuned.